Cerca
Close this search box.

gay

Recensione: Walter Siti, Tutti i nomi di Ercole

Walter Siti Tutti i nomi di Ercole Rizzoli

Inseguiamo tutti il nostro oggetto del desiderio, rincorrendo ogni sua declinazione; quello di Walter Siti abbiamo imparato a conoscerlo. Lamberto Santuccio, con precisione appassionata, propone la recensione del libro “Tutti i nomi di Ercole”, una raccolta di scritti eterogenei in cui si abbandona ai muscoli possenti e ai letimotiv esistenziali del culturista, individuo sessuale bramato e afferrato. Facendo affiorare affinità e attraversando i soliti mondi mondani della politica e della tv, questa miscellanea torna a parlare del cuore pulsante del nostro tempo tramite un personaggio che sembra incarnarlo totalmente.

Recensione: Shehan Karunatilaka, Le sette lune di Maali Almeida

Shehan Karunatilaka, Le sette lune di Maali Almeida, Fazi Editore

“Le sette lune di Maali Almeida” di Shehan Karunatilaka (Fazi, traduzione di Silvia Castoldi) sta avendo una notorietà internazionale grazie al Booker Prize 2022. È la storia raccontata da un uomo defunto, un fotografo, gay clandestino che si trova, nell’aldilà, a chiedere conto all’autorità burocratica – che lo accoglie in una specie di “ufficio visti” celestiale – della sua morte: non ha idea di chi lo abbia ucciso e poter guardare in una sorta di flashback i sicari che lo hanno massacrato facendolo a pezzi con una mannaia e scaricandolo in un lago a imputridire non lo aiuta a chiarire il perché. Siamo nello Sri Lanka, ex Ceylon, l’isola al largo della costa meridionale del subcontinente indiano, detta “la lacrima dell’India”. La recensione del libro è di Dennis Canal.

Recensione: Douglas Stuart, Il giovane Mungo

Douglas Stuart, Il giovane Mungo, Mondadori, 2022

Rinchiusi nella Dublino violenta, machista e che puzza di alcol e sangue dell’era post-Thatcher, essere giovani richiede una dose di tenerezza inaudita. Recensione del libro “Il giovane Mungo” (Mondadori, 2022), nuova strabiliante prova del talento di Douglas Stuart dove due adolescenti alle porte della vita degli adulti, separati a forza dalle fazioni e dagli scontri mortiferi della città irlandese, trovano rifugio ognuno nelle braccia dell’altro. Tra omofobia atavica e sanguinose scene di orrore, un romanzo di formazione indorato dalla pura grazia della narrazione.